Gametimer: prevenire l’uso eccessivo dello schermo nei bambini

I bambini di oggi passano sempre più tempo dietro agli schermi. Secondo molti esperti, si tratta di uno sviluppo preoccupante e di un problema sociale. Dal 2019, il tempo trascorso sullo schermo dai bambini è aumentato drasticamente. Con l’aiuto di Gametimer, è possibile garantire un accordo corretto tra genitori e figli. Con un nuovo modo di pensare, Gametimer combatte l’uso eccessivo dello schermo e la dipendenza dai giochi.

Il concetto

Gametimer funziona in modo diverso da tutte le altre forme di controllo parentale. Invece di router e spegnimento degli schermi, Gametimer funziona con un sistema educativo che insegna ai bambini a pianificare e gestire da soli il tempo trascorso davanti allo schermo. Dopo aver preso accordi chiari, si inseriscono gli accordi presi in Gametimer. Questo crea immediatamente chiarezza ed evita discussioni inutili. Una volta stabiliti gli orari concordati tramite l’applicazione, il bambino sarà responsabile del proprio tempo trascorso davanti allo schermo. In questo modo si crea un sostegno e si vedrà presto che il gametimer viene accettato. Nell’app Gametimer è possibile vedere tutti i tempi di gioco nelle statistiche.

Come funziona?

Il Gametimer è una clessidra elettronica sonora e visiva con un lato verde (play) e uno rosso (stop). Gametimer è inoltre dotato di grandi e robusti paraurti, per cui è in grado di resistere alle sollecitazioni. La batteria del Gametimer dura un mese quando è completamente carica. Un’altra caratteristica importante di Gametimer è la pausa obbligatoria che si può impostare tra una partita e l’altra. Questa pausa incoraggia a sua volta i bambini a svolgere altre attività. Diciamo che 2 ore di gioco al giorno sono più che sufficienti. Si concorda con il bambino e poi si imposta nel Gametimer tramite l’app. Si dividono poi queste 2 ore in 4 partite (30 minuti per partita), ad esempio. Tra una partita e l’altra si fa una pausa di 15 minuti. Durante questi 15 minuti, il bambino andrà fuori a giocare a calcio, per esempio. Non sorprende che 15 minuti diventino facilmente 30 minuti. Consapevolezza e responsabilità sono gli obiettivi principali di Gametimer.

Ulteriori informazioni sul funzionamento di Gametimer? Leggilo qui sul nostro sito!

Come utilizzare Gametimer?

Per avviare il gametimer, girare il lato verde verso l’alto. Dopo un bip*, il tempo inizia a scorrere. Il display e le 10 spie indicano i tempi impostati. Posizionando il Gametimer in orizzontale, lo si mette temporaneamente in pausa, in modo da poter riprendere il gioco più tardi senza perdere tempo. Allo scadere del tempo, il Gametimer inizia a riprodurre un suono che si interrompe solo quando il lato rosso viene alzato. Se questa non era ancora l’ultima partita della giornata, inizierà la pausa obbligatoria. Sul display e sulle 10 spie è possibile vedere la durata della pausa accesa. Non è inoltre possibile far diventare verde il Gametimer durante la pausa obbligatoria.

L’applicazione Gametimer

Gli orari e le impostazioni possono essere modificati nell’app. Dopo aver creato il vostro account, avrete una password alla quale potrete accedere solo voi come amministratore. Se le impostazioni vengono modificate, riceverete un’e-mail di conferma. Nelle statistiche si possono anche vedere i tempi di gioco degli ultimi 7 giorni ed è possibile aggiungere più Gametimer all’interno dell’applicazione.

Dopo aver utilizzato Gametimer, i genitori sono generalmente molto soddisfatti della sua accettazione. Pensiamo che questo sia dovuto al fatto che i bambini sperimentano la libertà e possono organizzare il loro tempo di visione entro i limiti stabiliti.
I bambini devono sapere che c’è un inizio, una pausa e una fine. Nell’era odierna, in cui gli schermi stanno conquistando il mondo intero, questo aspetto è più importante che mai. La salute mentale e fisica risente dell’uso eccessivo dello schermo. Anche l’interazione sociale è sempre più limitata dall’ascesa dei grandi colossi del gioco e dei social media. Gametimer è aperto a miglioramenti e partner per lottare insieme contro il crescente uso eccessivo degli schermi.